Questo Forum utilizza Cookies tecnici per poter funzionare
Questo forum fa uso di cookies tecnici per poter memorizzare le tue informazioni di login se sei un utente registrato, e la tua ultima visita se non sei registrato. I Cookies sono piccoli testi memorizzati sul tuo computer; i cookies inviati da questo forum sono utilizzati soltanto su questo sito, per il suo normale funzionamento e per consentirti la partecipazione al forum stesso e non sono in alcun modo pericolosi per la tua privacy. I Cookies di questo forum tengono traccia anche delle discussioni che hai già letto, per permetterti di individuare visivamente se ci sono nuovi messaggi. Per favore, conferma se accetti o rifiuti questi cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser, indipendentemente dalla tua scelta, al fine di impedire che questo messaggio ti venga mostrato nuovamente. Potrai cambiare in ogni momento le tue scelte in merito alle impostazioni dei cookies utilizzando il link in fondo alla pagina.


LISTA AGGIORNATA DEI RIVENDITORI AUTORIZZATI COCKTAIL AUDIO
Attenzione: I prodotti acquistati al di fuori del canale ufficiale NON potranno accedere all'Area Riservata del Club CocktailAudio Italia né ai servizi Forum/Chat/Ticket.
REGISTRA IL TUO COCKTAIL AUDIO per poter accedere all'AREA RISERVATA DEL CLUB COCKTAILAUDIO ITALIA.

Polaris Audio


Puoi seguire le nostre dirette Live anche su YouTube e su Facebook

Benvenuto, Ospite
Devi registrarti prima di poter scrivere nel forum.

Nome utente
  

Password
  





Ricerca forum

(Ricerca avanzata)

Statistiche del forum
» Membri: 3,105
» Ultimo utente: VEER208
» Discussioni del forum: 2,447
» Messaggi del forum: 14,000

Statistiche dettagliate

Utenti online
Al momento ci sono 19 utenti online.
» 1 utente(i) | 16 visitatore(i)
Applebot, Google, Alberto Pilot

Ultime discussioni
Amazon music
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X40
Ultimo messaggio di: Admin
3 ore fa
» Risposte: 3
» Visite: 31
Il CA altera i segni di p...
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X50D
Ultimo messaggio di: Admin
4 ore fa
» Risposte: 4
» Visite: 99
[X12] AGGIORNAMENTO Nuovo...
Forum: Firmware / Firmware Update
Ultimo messaggio di: Admin
6 ore fa
» Risposte: 3
» Visite: 322
Amazon music e App iOS
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X14
Ultimo messaggio di: Admin
Ieri, 08:33 PM
» Risposte: 1
» Visite: 14
Firmware R0075
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X40
Ultimo messaggio di: roberto.molinini
Ieri, 11:14 AM
» Risposte: 26
» Visite: 284
IService non attivo
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X14
Ultimo messaggio di: Admin
09-24-2020, 05:53 PM
» Risposte: 5
» Visite: 60
AIRABLE
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X12
Ultimo messaggio di: Admin
09-23-2020, 06:13 PM
» Risposte: 1
» Visite: 29
Nuova app MusicX Neo
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X14
Ultimo messaggio di: Admin
09-22-2020, 06:42 PM
» Risposte: 1
» Visite: 29
Volume uscita Music X NEO
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X12
Ultimo messaggio di: Admin
09-21-2020, 08:22 PM
» Risposte: 1
» Visite: 41
Tidal download
Forum: Domande specifiche sul CocktailAUDIO X35
Ultimo messaggio di: Admin
09-21-2020, 08:14 PM
» Risposte: 3
» Visite: 35

 
  Tracce Fallite in Lettura/CD-Ripping
Inviato da: Admin - 06-16-2020, 10:06 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Per prima cosa occorre assicurarsi che la unità Cocktail Audio sia poggiata perfettamente in piano, che al di sotto non ci siano fonti di calore, che sia presente aria sufficiente intorno al dispositivo, in modo che non si surriscaldi eccessivamente, e che non ci siano inoltre altri apparecchi posti al di sopra di esso (che possano flettere meccanicamente lo chassis).

Il supporto tecnico Novatron, segnala quale prima causa di errore di lettura dei Compact Disc, questa situazione:

"For your information, we have found that some CDs are too much bent (radial noise), this kind of CDs created same problem."

È fondamentale, quindi, assicurarsi che il disco che di desidera leggere o del quale si voglia eseguire il CD-Ripping, sia in condizioni assolutamente perfette.

Sporcizia, graffi, microsolchi, ondulazioni, abrasioni, deformazioni del supporto ottico, anche difficilmente percepibili ad occhio nudo, possono di fatto determinare la impossibilità parziale, o addirittura completa, di lettura del disco e portare al soft-reset, o anche al congelamento temporaneo dell'apparecchio durante i tentativi di accesso alle tracce (costringendo l'utilizzatore a spegnere e riaccendere la macchina).

Ma oltre a problemi prettamente "fisici" di supporto ottico indicati dal produttore, forniamo alcuni suggerimenti e chiarimenti ulteriori che potrebbero rivelarsi utili per inquadrare il fenomeno degli errori di lettura.

Il software di lettura ed estrazione del Cocktail Audio è configurato per la massima precisione: in caso vengano rilevate anomalie di superficie/dati nella fase di lettura o di estrazione delle tracce del disco, il programma impedisce la conclusione della operazione (con errore di track failed), al fine di attenersi allo standard chiamato bit-perfect, ovvero ottenere la perfetta corrispondenza 1:1 tra il dato inciso su supporto ottico e quello che si va a riprodurre direttamente o a estrarre e memorizzare sullo storage (in sostanza, non c'è correzione di errore).

Se il checksum del disco restituisce un errore, l'estrazione o la lettura falliscono, ed il disco viene espulso.

La lettura e riproduzione diretta del disco da parte del Cocktail Audio, soggiace quindi alle medesime impostazioni rigorose scelte dal produttore per la sua estrazione (CD Ripping).

Altra situazione da considerare è quella di dischi cosiddetti Enhanched CD (cioè dischi con contenuti multimediali addizionali e tracce ghost), che sono incompatibili con Cocktail Audio (e resi parzialmente compatibili solo a partire dalla release R1516 del firmware).

Si aggiunge a questa tipologia di supporti speciali, il caso dei numerosi Compact Disc audio protetti da copia.

I sistemi di protezione adottati sono:

  • Cactus Data Shield
  • Key2Audio
  • MediaCloqq
  • SafeAudio
per citarne alcuni.

Questi sistemi agiscono inserendo volontariamente alcuni errori nei dati delle ultime tracce dei dischi, che vengono automaticamente corretti dai lettori CD audio tradizionali in fase di lettura.

Questa caratteristica non è però supportata nativamente dai drive CD-ROM/DVD-RW, come quello impiegato nei CocktailAudio, rendendo di fatto la traccia finale (o le ultime 2) piena di rumore, gli errori, appunto, che causano la espulsione del disco.

Alcuni software di copia per PC, ad esempio Nero Burning Rom, by-passano queste protezioni (ne parliamo in fondo a questo articolo).

Cocktail Audio, invece, non può copiare/leggere questi dischi con errori logici e pertanto segnala l'errore di lettura sulle tracce protette (le ultime) ed espelle il disco.

Ad esempio, per citarne uno, "Life for Rent" di Dido non può essere rippato e neppure letto completamente, perché è protetto e restituisce errore di traccia fallita sulle ultime tracce (la 11 e la 12) e disco espulso.

Altri dischi segnalati da utenti:

Dido - Life for Rent
Diana Krall - Live in Paris
Ataraxia - Lyrr
Sopor Aeternus - Have You Seen These Ghosts
White Hills - So You Are... So You'll Be
The Deadfly Ensemble ‎– An Instructional Guide For Aspiring Arsonists
Unto Ashes - Burials Foretold

Ne abbiamo parlato diverse volte qui nel nostro forum di supporto.

I cd protetti (almeno così dovrebbe accadere dietro precisa richiesta di Philips) generalmente si riconoscono perché non possono riportare il logo ufficiale "Compact Disc Digital Audio" sul supporto stesso (proprio perché sono incisi con criteri al di fuori dello standard codificato per i cd audio chiamato "red book" e non possono fregiarsi del logo).

Occorre pertanto verificare se i dischi che non possono essere letti, presentano o meno il logo "Compact Disc Digital Audio", perché in caso di totale sua assenza (o in caso ci sia scritto "Compact Disc CD-Rom") è sicuro che siano dischi protetti.

Questi dischi presentano problemi di lettura (e quindi di estrazione) perché sono dischi fuori standard, cioè dischi che non rispettano lo standard nativo previsto per i Compact Disc Audio e definito da Philips/Sony, che lo hanno chiamato "red book" (https://it.wikipedia.org/wiki/CD_Audio).

Infatti, tali supporti fuori specifiche non possono fregiarsi del logo ufficiale di Compact Disc Digital Audio e non lo riportano da nessuna parte.

Questi dischi ”non red book” non presentano (solitamente, ma non è comunque una regola) alcun problema di lettura sui tradizionali lettori di Compact Disc.

Tali lettori CD standard, infatti, sono dotati di una classica meccanica di lettura operante a velocità 1X e non sono in grado di eseguire alcun tipo di copia digitale (chiamata in gergo "CD-Ripping").

Gli stessi supporti, invece, sono problematici (volutamente) per i masterizzatori, proprio affinché non ne sia consentita la copia.

Per eseguire la copia di un qualsiasi disco, ovviamente, tale disco deve essere prima di tutto letto dalla meccanica.

Motivo per il quale, il problema affligge tanto la normale lettura, quanto la estrazione dei dati.

Il Cocktail Audio NON è un normale lettore di CD, cioè non è un apparecchio che utilizza una classica meccanica di lettura dei CD a velocità 1X, ma è invece dotato di un masterizzatore.

Nello specifico, viene impiegato un masterizzatore di marca LG, di tipo DVD-RW e con velocità di lettura/scrittura pari a 8X-24X.

Viene adottata questa meccanica perché solo i masterizzatori consentono di eseguire il CD-Ripping, operazione che è invece impossibile per una normale meccanica CD.

Oltre a permettere la estrazione con il CD-Ripping, un masterizzatore permette anche la scrittura di Compact Disc su supporti vergini (operazione anch'essa consentita dal Cocktail Audio, ma che è impossibile per un normale lettore CD).

Questo spiega quindi il motivo per il quale, con un tradizionale lettore CD, anche di scarsa qualità, tali dischi protetti vengano solitamente comunque riprodotti (in quanto trattasi di lettore che non è in grado di eseguire una copia e che ignora la protezione), mentre con il Cocktail Audio ci siano difficoltà o impossibilità non soltanto per il ripping, ma anche per la loro lettura (infatti, questi sono gli effetti delle protezioni applicate al disco).

In particolare, la protezione più utilizzata è quella che agisce sulle ultime due tracce dei CD, determinando, su tali supporti (fuori standard), che esse vengano saltate sia in lettura diretta, sia in estrazione (ripping).

Abbiamo parlato diverse volte qui nel nostro Forum del "problema" delle tracce fallite.

Ad esempio, in questo thread:
https://www.cocktailaudio.it/forum/Threa...ce-fallite

Per notizia, si può anche collegare un lettore CD USB esterno addizionale al Cocktail Audio, magari di marca differente da LG montata internamente, e che potrebbe avere tolleranze leggermente differenti (leggere meglio alcuni supporti, leggere peggio altri).

Nel caso specifico, il cliente che ha scritto i messaggi in quel thread ha provato ad utilizzare un masterizzatore di marca ASUS, ma ha avuto il medesimo risultato di mancata estrazione (proprio a conferma del fatto, che non è un problema di masterizzatore difettoso, ma di modalità operativa di lettura/estrazione dei dati operata dal Cocktail Audio).

Quindi, questo problema NON è riferibile alla meccanica di lettura "difettosa", ma piuttosto alla tipologia di supporti impiegati (cioè, fuori standard) e alla tecnologia di estrazione/lettura (che è impossibile completare per tali supporti, a meno che non siano applicate lato software delle "correzioni degli errori", operazione quest'ultima che il Cocktail Audio non esegue per progetto, poiché non sarebbe più un sistema operante in modalità "bit-perfect", cioè con corrispondenza di precisione 1 a 1 dei dati estratti).

Tali dischi fuori standard possono invece essere rippati utilizzando un PC o un Mac con software di masterizzazione che non operano in modalità bit-perfect e che applicano la correzione degli errori per by-passare le protezioni (ad esempio come il Nero burning rom), e quindi importati nel Cocktail Audio tramite la funzione "Importa nel DB" da icona Browser.

Numericamente, quanti sono questi dischi in commercio? Non c'è una statistica precisa, ma si possono stimare in circa il 5-10% del totale.

Stampa questo articolo

  Problemi con TIDAL
Inviato da: Admin - 07-29-2019, 11:11 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

NOTA: Come accaduto già la settimana scorsa, da ieri ci sono nuovamente problemi di funzionamento con TIDAL, dovuti a modifiche da loro effettuate alla propria infrastruttura CDN (Content Delivery Network).
Il problema rientrerà da solo, senza necessità di alcun intervento ulteriore. Occorre soltanto attendere la stabilizzazione degli indirizzi DNS dei server Tidal.

Stampa questo articolo

  Riparare in casa il telecomando
Inviato da: Admin - 09-19-2016, 02:21 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Ringraziamo l'utente Mauretto per averci proposto questa sua interessante guida per riparare in casa un telecomando mal funzionante (tasti che fanno i capricci).

La guida si intende da utilizzarsi solo se si è dotati di manualità e competenza sufficiente a seguire i singoli passaggi in sicurezza, assumendosi la piena responsabilità delle operazioni eseguite.

NOTA BENE: Non ci assumiamo alcuna responsabilità sul buon esito dell'operazione e per eventuali danni a cose, animali e/o persone che dovessero essere causate da quanto qui sotto riportato.

Se non siete sicuri delle operazioni da seguire, vi consigliamo di acquistare un nuovo telecomando per CocktailAUDIO o di contattarci per la eventuale riparazione.


--------------------

Citazione:L'apertura del telecomando è complicata, e se si usa il solito cacciavite per far leva oltre che rovinare la plastica, il pericolo è spezzare i dentini che uniscono le 2 metà del guscio.

Mi sono ricordato d'aver comprato dai 'cinesi' quel kit che serviva per aprire l'iphone (o qualsiasi altro smartphone) che conteneva dei triangoli di plastica, spessi al centro e fini sul bordo, da utilizzare proprio per questo scopo.

Infilata una punta di questo in un punto del guscio (la parte inferiore) con mano delicata ma decisa ho fatto scorrere il triangolo nella fessura, e ad ogni stop, (punto in cui erano piazzati i dentini di ancoraggio dei 2 gusci) piuttosto che forzare, eseguivo con il triangolo un movimento destra/sinistra fino allo sganciamento del dente, e continuando così fino all'apertura totale dei gusci.

Anche se ad occhio nudo sembrava come nuovo, ho pulito il circuito stampato, piuttosto che con alcool, con cotone imbevuto con il liquido Philips usato per ripristinare i contatti e i potenziometri degli amplificatori.

Poi sono passato alla gomma che contiene tutti i tasti del telecomando e dove risiedono normalmente il 99% dei problemi.
Su questa gomma sono presenti da un lato i tasti cosi come li vediamo, mentre dall'altro lato, quello che guarda il circuito stampato, corrispondente ad ogni tasto c'è un piccolo cilindro nero impregnato di una sostanza conduttiva, quella che materialmente realizzerà (alla pressione di un tasto) il cortocircuito sul pcb.
ATTENZIONE: mai pulire questo lato con alcool o anche con acqua e sapone, pena l'eliminazione di questo strato conduttivo e la conseguente inattività permanente dei tasti.
Ho tagliato un piccolissimo cerchio di alluminio (esattamente grande quanto l'area che realizzerà il contatto) di rotolo 'Domopack' (utilizzato in cucina per avvolgere le pietanze), tagliato e sagomato con una piccola forbice e l'ho incollato sul cilindro per ripristinando il contatto malfunzionante... ho aspettato un pò... poi ho ricomposto e richiuso il tutto nei 2 gusci del telecomando.

Adesso il telecomando è una scheggia.... funziona pure con le pile scariche...!

Spero che quanto appena scritto sia utile a quanti hanno o avranno un simile malfunzionamento, poichè è normale questo tipo di usura sui tasti frequentemente premuti (non a caso avevo bloccato il tasto freccia-giù)....

Mauro.

Stampa questo articolo

  Hard Disk consigliati per i Music Server CocktailAUDIO
Inviato da: Admin - 11-16-2015, 11:11 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta



Molti Clienti ci domandano quali Hard Disk acquistare per i CocktailAUDIO X12, X30, X40 e X50.

Questa è una lista dei modelli più indicati ed adatti (lista in aggiornamento):

<table>
<tr>
<td>
<iframe src="http://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?lt1=_blank&bc1=000000&IS2=1&npa=1&bg1=FFFFFF&fc1=000000&lc1=0000FF&t=newpolaris-21&o=29&p=8&l=as4&m=amazon&f=ifr&ref=ss_til&asins=B006GDVREI" style="width:120px;height:240px;" scrolling="no" marginwidth="0" marginheight="0" frameborder="0"></iframe>
</td>
<td>
<iframe src="http://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?lt1=_blank&bc1=000000&IS2=1&npa=1&bg1=FFFFFF&fc1=000000&lc1=0000FF&t=newpolaris-21&o=29&p=8&l=as4&m=amazon&f=ifr&ref=ss_til&asins=B008YAHW6I" style="width:120px;height:240px;" scrolling="no" marginwidth="0" marginheight="0" frameborder="0"></iframe>
</td>
<td>
<iframe src="http://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?lt1=_blank&bc1=000000&IS2=1&npa=1&bg1=FFFFFF&fc1=000000&lc1=0000FF&t=newpolaris-21&o=29&p=8&l=as4&m=amazon&f=ifr&ref=ss_til&asins=B00EHBEUZO" style="width:120px;height:240px;" scrolling="no" marginwidth="0" marginheight="0" frameborder="0"></iframe>
</td>
</tr>
</table>

Stampa questo articolo

  Come collegarsi via FTP al CocktailAUDIO tramite Windows
Inviato da: Admin - 11-06-2015, 08:04 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta



Per effettuare il collegamento via FTP al CocktailAUDIO occorre eseguire i seguenti passi:

1) Setup -> Servizi di Rete -> FTP ACCESO
2) impostare Nome Utente e Password a proprio piacimento (prenderne ovviamente nota)
3) Scaricare il Client FTP WinSCP da qui:

http://sourceforge.net/projects/winscp/

Ecco le impostazioni da effettuare e la connessione:

[Immagine: WINSC-ftp-1.png]

[Immagine: WINSC-ftp-2.png]


PS: Al momento non FileZilla non è compatibile in quanto esso utilizza un differente comando per listare le directory (MLSD) invece che il tradizionale "LS", e tale impostazione non sembra essere disattivabile in Filezilla.

Stampa questo articolo

  Configurazione delle condivisioni di rete con Windows 8.1
Inviato da: Admin - 06-10-2015, 07:00 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Oltre alla guida presente per Windows 7 (https://www.cocktailaudio.it/forum/thread-151.html), queste sono i passaggi ulteriori da seguire per configurare i CocktailAUDIO in ambiente di rete Windows 8.1.

L'Autore del tutorial è Fulviostrain, che ringraziamo.


Configurazione di Rete CocktailAUDIO e Windows 8.1


Per poter accedere con Win 8.1 ( come per win 7 non cambia nulla ) le unità di rete collegate alla propria "intranet" casalinga, occorre attivare prima di tutto in win8.1 la condivisione dei file sulla rete lan, altrimenti non sarà mai possibile vedere tutte le risorse presenti.

Occorre andare in "Centro connessioni di rete e condivisione" poi in "Impostazioni di condivisione avanzate" e verificare che in "Privato" sia spuntato "attiva individuazione rete" ed anche "attiva la configurazione automatica dei dispositivi connessi alla rete".

Spuntare anche più sotto "attiva condivisione file e stampanti" mentre per le connessioni Gruppo Home io consiglio di spuntare la seconda voce "usa account e password utente per la connessione ad altri computer".

In Guest o Pubblico invece si può lasciare disattivata individuazione rete in quanto la nostra è una connessione privata e non pubblica in questo caso.

Occhio che smanettare o creare un Gruppo Home di rete in windows cambia notevolmente poi la gestione della rete.

Qui stiamo parlando di accedere al cocktail che avendo Samba abilitato ci compare come un altro computer con condiviso il disco rigido che si trova al suo interno (eventuali dischi connessi al cocktail sulle porte USB saranno anch'essi visibili ed accessibili!).

nota: Per impostazione predefinita, Win 8.1 non permette l'accesso alle risorse di rete ed in alcuni Win 8.1 occorre specificatamente abilitare tale funzione (in Win 8.1 Pro, invece, tale accesso è già attivo di default ).

Il server Samba va a creare un "computer" virtuale con il nome che noi diamo nella impostazioni del Cocktail. All'interno dell'icona del computer "X40" che ci comparirà nelle nostre risorse di rete troveremo due cartelle.

La prima, chiamata "MusicDB", che sarà navigabile ma non modificabile ( di default il sistema operativo del Cocktail non permette modifiche esterne all'interno della cartelle dove risiedono i file musicali e di database del MusicDB stesso in quanto qualsiasi modifica esterna porterebbe a malfunzionamenti nella struttura del MusicDB stesso che è l'unico sistema da usare per la gestione ).

La seconda che si chiamerà "LocalStorages" conterrà l'hard disk interno con tutte le cartelle in esso contenute o che possiamo creare poi noi a nostro piacimento ( ricordo che la cartella nascosta non va modificata nel caso si abiliti in win8.1 la possibilità di vedere anche le cartelle nascoste che saranno rappresentato da un colore più "sbiadito" rispetto alle cartelle di sistema "in chiaro" ) ed eventuali altre unità connesse in usb al cocktail.

Chiaramente questo comporta un minimo di conoscenza di come vengono gestite le reti in generale.

Sconsiglio di creare Gruppi Home sulla rete in quanto generano confusione.

Per quanto riguarda le icone che compaiono nelle risorse di rete che hanno per nome il Cocktail, queste sono icone che compaiono all'interno dei "dispositivi multimediali" e per forze di cose non sono navigabili.

Noi il cocktail dobbiamo trovarcelo all'interno del gruppo "Computer" assieme al nostro ed ad altri pc eventuali sulla rete ( possiamo far coesistere molteplici cocktail contemporaneamente a patto che ognuno abbia un indirizzo ip STATICO diverso !!

Controllare anche che tutte le unità di rete, compreso il pc, abbiano lo stesso nome nel "Gruppo di Lavoro" che di default in windows è "WORKGROUP" !!

Questo nome si può cambiare a piacimento usando caratteri semplici e tutti maiuscoli. Basta che usiate lo stesso nome.

Stampa questo articolo

  Video Guida - Effettuare il CD-Ripping con il CocktailAUDIO X30
Inviato da: Admin - 09-12-2014, 02:01 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta


Video Guida su come effettuare il CD-Ripping completo di un Compact Disc con il CocktailAUDIO X30

Stampa questo articolo

  Come usare SharePlay (AirPlay) e Spotify su CocktailAUDIO X30
Inviato da: Admin - 08-02-2014, 01:05 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

I Music Server CocktailAUDIO X12, X30 e X40 possono riprodurre musica in streaming da tutte le App (Spotify compresa!) utilizzando un dispositivo Apple (iPhone o iPad) dotato di funzionalità AirPlay.

Guarda il video che abbiamo preparato con le istruzioni passo-passo il funzionamento di SharePlay sul CocktailAUDIO X30 (il tutorial è valido anche per i modelli X12 e X40):



Stampa questo articolo

  Codici Telecomando CocktailAudio X30
Inviato da: Admin - 05-16-2014, 12:59 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

In allegato il file esplicativo con i codici del telecomando del CocktailAudio X30.

Questo documento è utile nel caso si volessero utilizzare telecomandi universali.



Allegati
.pdf   RC_X30-code.pdf (Dimensione: 361.56 KB / Download: 112)
Stampa questo articolo

  Codici Telecomando CocktailAudio X10
Inviato da: Admin - 05-16-2014, 12:58 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

In allegato il file esplicativo con i codici del telecomando del CocktailAudio X10.

Questo documento è utile nel caso si volessero utilizzare telecomandi universali.



Allegati
.pdf   RC_X10-code.pdf (Dimensione: 242.8 KB / Download: 114)
Stampa questo articolo

  Nuova Gestione della Rete
Inviato da: Admin - 02-21-2014, 12:36 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Con riferimento alla nuova gestione delle Risorse di Rete introdotta nel CocktailAudio X30 ed X10 (EDIT: questa funzione è ovviamente presente anche in X12 e X40), riportiamo queste chiare indicazioni fornite dall'utente Fulviostrain, che ringraziamo:

(02-20-2014, 10:46 PM)fulviostrain Ha scritto: Con il nuovo firmware è stata implementata la possibilità ad accedere alle cartelle di rete presenti nei nostri NAS protette da utente e password. In pratica prima di oggi non era possibile accedere a partizioni o cartelle di rete protette da password da parte del nostro cocktail e quindi non era nemmeno possibile effettuare il backup del MusicDB incorporato in un luogo sicuro da accidentali cancellazioni.
Ora si può creare nel nostro NAS una cartella protetta da utente e password e salvarci all'interno la nostra amata musica senza preoccuparci che altri possano metterci lo zampino. In effetti in ambiente domestico tutto questo può sembrare una complicazione inutile, ma se la rete è usata da vari utenti ed ognuno ha una propria cartella allora può tornare molto utile.
Per vedere i dischi in rete occorre che il "gruppo di lavoro" abbia lo stesso nome all'interno di ogni settaggi, dal pc, al cocktail, ai NAS ecc. Nel caso standard di Windows tale nome è "WORKGROUP", nel caso di windows 7 Pro oppure XP Pro, ma lo si può cambiare a piacimento a patto che sia identico ( consiglio di usare sempre tutte parole maiuscole ). Anche se si usano PC e Mac contemporaneamente il nome DEVE essere spettato sempre in modo identico.
Nei server NAS non ha nemmeno importanza il tipo di formattazione dei dischi rigidi interni che può essere anche di tipo proprietario ( vedi LACIE ad esempio ) in quanto a noi non ci importa come vengono salvati e gestiti i dati, ma il fatto che il disco sia visibile in rete.
Fatto questo ( non è fondamentale avere attivato il server SAMBA sul cocktail ) si deve andare in Browser -- NET -- Aggiungi risorsa di rete ...
Nella prima riga Server si inserisce il nome del gruppo di lavoro ( esempio "WORKGROUP" ) seguito dalla barra "\" e qui dovete indicare, a scelta, il nome di rete del vostro server NAS ( fate riferimento ai manuali ) oppure l'indirizzo IP Statico assegnato al server stesso ( ad esempio 192.168.1.10 )
Fatto questo avete detto al cocktail DOVE cercare il vostro server !
Poi in nome utente e password, se li avete abilitati, inserite i relativi dati.
Altrimenti se il NAS ha abilitato qualsiasi utente in lettura/scrittura passate avanti senza compilare i campi ed andate alla riga " Risorse di rete" e quindi schiacciate OK.
ll cocktail andrà alla ricerca delle cartelle o partizioni disponibili sul NAS ....
Una volta trovate cliccate quella desiderata e dopo avergli dato un nome ( Nickname ) la salvate nei preferiti. Ricordatevi solo che non è possibile dare Nickname identici, ma sempre diversi.
Più facile a farsi che a dirsi.
Per me una funzione davvero notevole e di pregio, ma che potrebbe dare un po' di noia alle persone a digiuno di reti, indirizzi IP, e server NAS.
Sperando di essere stato utile vi invito a provare ....

Stampa questo articolo

  Come verificare la integrità dei file musicali prima di importarli nel CocktailAudio
Inviato da: Admin - 11-23-2013, 09:24 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Nel caso in cui si desideri importare nel CocktailAudio file musicali memorizzati su PC, è assolutamente consigliato verificare questi files con un praticissimo software gratuito, chiamato AUDIOTESTER 1.7, prelevabile da qui:

http://www.vuplayer.com/other.php

Questo piccolo software è in grado di scansionare velocemente le cartelle del PC dove sono memorizzati i files musicali (è sufficiente trascinarle nella schermata principale di Audiotester).

Verrà controllata la integrità dei files e quelli che risultassero danneggiati saranno prontamente segnalati.

Ovviamente sconsigliamo di importare nel CocktailAudio uno qualsiasi dei files audio che risultasse danneggiato (failed) in quanto determinerebbe problemi di corretto funzionamento al CocktailAudio stesso (schermate bianche, schermate nere, blocchi durante la verifica del DB, blocchi casuali durante l'utilizzo, etc.).

Per ulteriore completezza, segnaliamo anche l'utilità MP3TAG (http://www.mp3tag.de/en/), anch'essa gratuita, che consente di assegnare in maniera massiva i metadati e le copertine ai file musicali presenti su PC.

Anche questo programma si rivela fondamentale per rendere omogenei i metadati dei file musicali prima di procedere alla loro importazione nel CocktailAudio.

Avendo quindi l'accortezza di verificare, prima con AUDIOTESTER la correttezza formale dei files musicali, e poi quella di assegnare con MP3TAG tutti i metadati, sarà semplificato tantissimo il lavoro della successiva importazione di questi stessi files nel CocktailAudio.

Stampa questo articolo

  Collegare il Cocktail Audio a Sonos
Inviato da: Admin - 04-03-2013, 12:42 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Riportiamo questa guida in merito alla configurazione del Cocktail Audio in abbinamento a dispositivi Sonos:

[Immagine: sonos1.1.jpg]

Aprire il menu "Music" e scegliere la voce "Set Up Music Library...".

[Immagine: sonos3.jpg]

Per fare in modo che il sistema Sonos possa accedere alle cartelle condivise, occorre aggiungere una condivisione di rete cliccando su "Add a Share".

[Immagine: sonos4.jpg]

Selezionare una sorgente musicale. Spuntare l'opzione “Add music in folders that are currently shared on my network”, per rendere disponibili i file musicali memorizzati su computer di rete o su dispositivi NAS.

[Immagine: sonos5.jpg]

Variare il percorso predefinito alla condivisione di rete. Es.: \\[nome-dispositivo] \Sonos\
(con questa impostazione predefinita: \\x10\Sonos)

[Immagine: sonos6.jpg]

La cartella selezionata sarà aggiunta alla tua libreria musicale. La cartella apparirà nella libreria musicale una volta che il processo di indicizzazione sarà terminato.

[Immagine: sonos1.jpg]

Premere “Finish” per concludere la procedura di configurazione.

Da questo momento il player Sonos è connesso con il Cocktail Audio.

Stampa questo articolo

  Il Cocktail Audio non riconosce i CD
Inviato da: Admin - 02-14-2013, 11:06 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Se l'unità accetta il CD ma quest'ultimo non viene rilevato, la causa potrebbe essere dovuta al contemporaneo utilizzo di una chiavetta USB o di un hard disk esterno USB dall'alto assorbimento di corrente.

In questi casi, il consiglio è quello di utilizzare dispositivi di memorizzazione USB a basso assorbimento di corrente, oppure dotati di alimentatore esterno indipendente.

Stampa questo articolo

  Ho MacOS X Mountain Lion: come posso accedere via rete al Cocktail Audio?
Inviato da: Admin - 02-06-2013, 11:00 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Per impostazione predefinita, il sistema operativo MacOS X Mountain Lion ha il Server SAMBA DISABILITATO.

Occorre, pertanto, abilitarlo.

Esiste un programma gratuito che effettua l'abilitazione del Server SAMBA su MacOS, e si può scaricare da qui:

http://www.macupdate.com/app/mac/41541/smbup

PS: Ringraziamo il nostro Cliente Giovanni per averci suggerito questi passaggi!

Stampa questo articolo

  Ho saltato alcuni aggiornamenti del Firmware: devo eseguirli tutti?
Inviato da: Admin - 12-03-2012, 01:46 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Ogni aggiornamento del Firmware include al proprio interno anche tutti gli aggiornamenti precedenti.

Non è pertanto necessario eseguire in sequenza l'installazione di tutti gli aggiornamenti precedenti, ma è sufficiente installare soltanto l'aggiornamento Firmware più recente disponibile.

Stampa questo articolo

  Perchè quando aggiungo le copertine ottengo un errore ?
Inviato da: Admin - 11-30-2012, 02:49 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Se aggiungendo le copertine utilizzando la Interfaccia WEB (WebGUI) del Cocktail Audio viene visualizzato un errore simile:

Citazione:"Warning: move_uploaded_file(/mnt/hdd1/.http/htdocs/.DB/[0259] Rod Stewart /net) [function.move-uploaded-file]: failed to open stream: No such file or directory in /mnt/hdd1/.http/htdocs/nov/nov_DBTool/inc/inc.upload.php on line 57"

occorre verificare che i metadati degli album che danno problemi con le copertine, non contengano nessuno dei caratteri speciali qui sotto:

. & " ; , / % < > { } [ ] ( )

In generale vanno evitati tutti quei caratteri facenti parte della sintassi del linguaggio di programmazione PHP, linguaggio su cui è sviluppata anche la WebGUI di X10.

Se sono presenti questi caratteri, occorre sostituirli con caratteri normali.

Stampa questo articolo

  Cosa fare se l'X10 non si aggiorna automaticamente
Inviato da: Admin - 11-07-2012, 11:41 AM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Nel caso in cui, uscito un nuovo Firmware, il Cocktail Audio X10 non riesca ad aggiornarsi automaticamente, verificare quanto segue:

1- Selezionare l'icona BROWSER
2- Scegliere HDD1
3- Verificare se è presente una cartella chiamata: [New Firmware]
4- Spostare il cursore sulla cartella [New Firmware] utilizzando i tasti freccia sul telecomando
5- Premere il tasto MENU sul telecomando e scegliere CANCELLA e confermare con il tasto OK.
6- Spegnere il Cocktail Audio X10 da telecomando ed attendere qualche secondo che venga completata l'operazione di spegnimento.
7- Accendere nuovamente il Cocktail Audio X10: se connesso alla rete Internet (tramite Ethernet o WiFi), verrà mostrata l'opzione di aggiornamento al nuovo firmware.

Stampa questo articolo

  Alcune considerazioni sul CD Ripping
Inviato da: Admin - 09-09-2012, 04:42 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Quando si effettua il ripping di un CD, è possibile specificare il formato di codifica che si desidera che il CocktailAudio adotti per la memorizzazione (es. WAV, FLAC, MP3, ALAC, AIFF, etc).

Ad eccezione del formato Cd nativo WAV, tutti gli altri formati richiedono che CocktailAudio effettui ulteriori elaborazioni una volta che il CD è stato rippato. La stessa cosa accade nel caso di registrazioni analogiche oppure della radio.

In tutti i casi, comunque, CocktailAudio
 dovrà inserire i metadati dei CD acquisiti all'interno del proprio database, creando una per una le singole voci che compongono gli album musicali rippati.

Per esempio, scegliendo come formato di codifica il formato lossless FLAC, il CocktailAudio effettuerà innanzitutto la copia (ripping) del CD sul suo hdd interno in formato nativo WAV e successivamente, in maniera del tutto automatica e trasparente, procederà in background alla conversione nel formato di destinazione prescelto (appunto il FLAC, in questo caso specifico).

Il fatto che CocktailAudio provveda a memorizzare inizialmente il file in WAV fornisce due vantaggi: il primo è che CocktailAudio consente da subito di ascoltare il CD appena rippato, il secondo è quello che non dovremo attendere il tempo necessario alla conversione in quanto l'acquisizione originale in WAV rimarrà disponibile fino a quando la conversione in FLAC (o altro formato di codifica differente dal WAV) non sarà stata completata, e subito dopo verrà automaticamente cancellata.

Ovviamente l'utente non si accorge di nessuna di queste operazioni, che vengono eseguite in maniera del tutto automatica e trasparente da parte di CocktailAudio .

Grazie a questa modalità operativa ad alto parallelismo, CocktailAudio consente di acquisire in sequenza decine di CD audio, che verranno rippati velocemente ed il cui contenuto verrà posto in una "coda di elaborazione" di conversione che verrà eseguita secondo priorità F.I.F.O. (First In - First Out): in pratica, in ordine di acquisizione.

Il tempo di conversione stimato ha un rapporto di circa 1.5~2.5 volte il tempo totale reale dei CD acquisiti (esempio un CD la cui durata sia di 60 minuti necessiterà di un tempo da 1 ora e mezza fino a 2 ore e mezza di lavoro continuo da parte del CocktailAudio per poter essere convertito ad esempio da WAV in FLAC).

Per poter verificare lo stato di avanzamento della conversione e verificare quali CD sono stati completamente convertiti e quali invece sono ancora in elaborazione, basta portarsi nel menu MusicDB, evidenziare l'album da verificare e premere il tasto "i" di Informazioni.

Avremo immediatamente visualizzate tutte quante le informazioni desiderate.


Quanti CD posso acquisire di seguito?
Consigliamo di utilizzare il buon senso, evitando di sollecitare troppo la meccanica di lettura, che si surriscalda durante le operazioni di CD Ripping, a causa dell'alta velocità di rotazione del disco. 
Meglio sempre procedere per blocchi di 10-15 CD per volta, lasciare riposare la meccanica minimo 15/30 minuti e poi ricominciare. L'eccessivo riscaldamento dell'ottica può essere causa di errori di lettura/estrazione delle tracce e di suo esaurimento prematuro o rottura. 

NOTA BENE: Sul modello X10, fino a quando la procedura di conversione è in esecuzione, saranno possibili rallentamenti o impuntamenti da parte dell'interfaccia che, una volta completata la coda di elaborazione, tornerà nuovamente velocissima. Stressando ulteriormente la macchina, con compiti ulteriori, se ne potrebbe causare il blocco con necessità di riavviarla. In questo caso le operazioni di conversione riprenderanno automaticamente da dove sono state interrotte.

Alcune operazioni, come il Backup, non saranno disponibili fino a quando la procedura di conversione dei file non sarà stata ultimata.

Durante la conversione dei CD la massima priorità del tempo CPU sarà assegnata alla conversione stessa, se il CocktailAudio si trova in attesa di comandi, oppure alla riproduzione musicale nel caso in cui facessimo suonare un brano.

Stampa questo articolo

  Configurazione delle condivisioni di rete con Windows 7
Inviato da: Admin - 05-13-2012, 11:06 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Con questa guida illustriamo i passaggi da seguire per configurare correttamente la condivisione di una cartella contenente file musicali su Windows 7, affinchè sia raggiungibile tramite CocktailAUDIO via rete Ethernet o Wi-Fi. Ovviamente la configurazione di rete del CocktailAUDIO deve essere già stata effettuata e deve essere stato abilitato il Server SAMBA (posizione "Acceso") e impostato il corretto gruppo di lavoro (di solito "WORKGROUP", tutto maiuscolo).

1) Cliccare su "Start" e poi su "Pannello di Controllo"
2) Cliccare su "Visualizza stato delle rete e attività"

[Immagine: rete1.png]

3) Cliccare su "Modifica impostazioni di condivisione avanzata"

[Immagine: rete2.png]

4) Impostare le seguenti opzioni:

[Immagine: rete3.png]

5) Cliccare su "Salva cambiamenti"

[Immagine: rete4.png]

6) Cliccare con il tasto destro sulla cartella da condividere e scegliere "Proprietà" dal menu contestuale (cliccando con il tasto sx)

[Immagine: rete5.png]

7) Premere su "Condivisione avanzata..."

[Immagine: rete6.png]

8) Segno di spunta su "Condividi cartella" e poi cliccare su "Autorizzazioni"

[Immagine: rete7.png]

9) Cliccare su "Aggiungi"

[Immagine: rete8.png]

10) Scrivere "guest", quindi cliccare su "OK" ed ancora su "OK"

[Immagine: rete9.png]

11) Cliccare su "Condividi"

[Immagine: rete10.png]

12) Dal menu a tendina scegliere "Guest" ed "Everyone" e per ognuno di essi cliccare su "Aggiungi", infine cliccare su "Condividi"
[Immagine: rete11.png]

13) Completare la procedura cliccando su "Chiudi"

[Immagine: rete12.png]

Ora da CocktailAUDIO, andando su BROWSER, sarà presente una nuova icona chiamata NET attraverso la quale sarà possibile accedere ai file musicali contenuti nella cartella di Windows 7 appena condivisa.

Stampa questo articolo

  Come installare l'hard disk nel Cocktail Audio X10
Inviato da: Admin - 04-08-2012, 10:22 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Installare un hard disk all'interno del Cocktail Audio X10 è una operazione molto semplice, che può essere effettuata in pochi minuti.

Un Hard Disk compatibile con il Cocktail Audio X10 deve avere queste caratteristiche:

- Formato 3.5" (hard disk da computer desktop)
- Interfaccia S-ATA (1/2/3)
- Capacità: 500GB, 1TB oppure 2TB (attenzione: gli hard disk da 1.5TB o da 3TB non sono compatibili)

Mostriamo, qui sotto in sequenza, le operazioni da seguire per montare correttamente l'hard disk all'interno dell'X10.

Il passaggio "fondamentale" è quello di smontare il fermo che serve a mantenere immobile, nella sua sede, l'hard disk una volta che sarà stato montato.

Se non si toglie il fermo, risulta impossibile inserire l'hard disk nel vano.

Una volta inserito il disco rigido, si può riposizionare il fermo, collegare i cavi e richiudere il vano del Cocktail Audio X10.

Si consiglia di formattare l'hard disk attraverso l'apposita funzione interna del menu SETUP del Cocktail Audio X10.



Guida per Installare l'Hard Disk nel Cocktail Audio X10:


1) APRIRE IL VANO DELL'HARD DISK

[Immagine: x10-0001.jpg]

2) VANO APERTO

[Immagine: x10-0002.jpg]

3) IDENTIFICARE IL FERMO CHE BLOCCA L'HARD DISK

[Immagine: x10-0003.jpg]

4) ESTRARRE IL FERMO (CON ATTENZIONE)

[Immagine: x10-0004.jpg]

5) FERMO ESTRATTO COMPLETAMENTE

[Immagine: x10-0005.jpg]

6) VANO PRONTO PER INSERIMENTO HARD DISK

[Immagine: x10-0006.jpg]

7) HARD DISK POSIZIONATO NEL VANO (MA NON ANCORA BLOCCATO)

[Immagine: x10-0007.jpg]

8) INSERIRE IL FERMO NELLA SUA SEDE

[Immagine: x10-0008.jpg]

9) BLOCCARE IL FERMO SPINGENDOLO VERSO L'HARD DISK

[Immagine: x10-0009.jpg]

10) FERMO BLOCCATO

[Immagine: x10-0010.jpg]

11) COLLEGARE CAVO DATI S-ATA

[Immagine: x10-0011.jpg]

12) COLLEGARE CAVO DI ALIMENTAZIONE S-ATA

[Immagine: x10-0012.jpg]

13) COLLEGAMENTI EFFETTUATI CORRETTAMENTE

[Immagine: x10-0013.jpg]

14) RIPOSIZIONARE LO SPORTELLINO DEL VANO E CHIUDERLO CON ATTENZIONE

[Immagine: x10-0014.jpg]

15) COCKTAIL AUDIO PRONTO ALL'USO!

[Immagine: x10-0015.jpg]

Stampa questo articolo

Exclamation Dove comprare i Cocktail Audio ?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:21 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Polaris Audio Srl è il Distributore Esclusivo in Italia dei prodotti Cocktail Audio.

Questa è la lista aggiornata dei soli Rivenditori Autorizzati in Italia per la vendita dei prodotti Cocktail Audio con importazione ufficiale (non ne esistono altri che non siano qui elencati!).

Attenzione:

L'accesso al Club CocktailAudio Italia è riservato solo ed esclusivamente agli utenti che abbiano acquistato un prodotto Cocktail Audio presso uno dei nostri Rivenditori Autorizzati italiani.


LISTA AGGIORNATA DEI RIVENDITORI AUTORIZZATI

In caso di dubbi, contattateci per maggiori informazioni.

Stampa questo articolo

  Che formato e qualità ottengo registrando una sorgente esterna?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:20 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Le sorgenti esterne vengono acquisite digitalmente campionando il segnale in ingresso con risoluzione di 16Bit e frequenza di 44.1KHz, in formato WAV.

Successivamente alla registrazione, i file acquisiti potranno essere convertiti in altro formato: FLAC, MP3, OGG.

Stampa questo articolo

  Come installo un nuovo firmware?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:20 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Per effettuare manualmente l'aggiornamento, ti occorre una pennetta USB e devi seguire queste operazioni (le schermate si riferiscono al CocktailAUDIO X10 ma sono sostanzialmente analoghe per tutti i modelli CocktailAUDIO):


1) Scarica il nuovo Firmware dall'Area Riservata del nostro sito:

https://www.cocktailaudio.it/amember/login

2) Scompatta il file .zip (utilizzando le utilità disponibili nel sistema operativo del tuo computer) e copia il file risultante .PKG su una penna USB vuota

3) Inserisci la penna USB in una delle porte USB host del CocktailAudio

4) Seleziona Impostazioni-> Firmware

   

5) Scegli "Aggiorna Manualmente" e conferma con "OK" sul telecomando

   

6) Scegli l'unità di memorizzazione di massa dove hai registrato il file del nuovo firmware (solitamente USB)

   

7) Seleziona il file xxxxxxx.pkg e conferma con "OK" sul telecomando.

Attendere il completamento della procedura:

ATTENZIONE: Non spegnere il Cocktail Audio durante l'aggiornamento!! E NON premere alcun tasto sul telecomando o sul pannello !!!

IMPORTANTE: Terminata la procedura di aggiornamento, spegnere il CocktailAUDIO da telecomando, portare su OFF l'interruttore posteriore ed attendere 30 secondi circa. Accendere nuovamente il Cocktail Audio per iniziare ad utilizzarlo con il nuovo Firmware appena installato.

Stampa questo articolo

  Come posso installare il FreeDB in maniera permanente nel Cocktail Audio X10?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:20 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Installazione FreeDB

I dati di FreeDB possono essere installati nell’hard disk di X10 deve essere presente un hard disk in X10) utilizzando il DVD FreeDB data fornito in dotazione. Una volta installati i dati FreeDB in X10, le informazioni sui CD saranno mostrate anche senza connessione ad internet.

Per installare i dati FreeDB nell’hard disk di X10: inserire il DVD FreeDB nel lettore di X10, cliccare su SETUP, CD RIPPING e poi FreeDB Install.

Selezionare CD e confermare con il pulsante OK.

X10 si riavvierà ed inizierà automaticamente l’installazione del database completo di FreeDB.

NOTA: Occorrono circa 10 minuti per completare l'operazione!
NOTA 2: Per chi procede alla installazione del FreeDB scaricato dal nostro sito, occorre far notare come il file DEBBA RIMANERE ZIPPATO! (NON va scompattato!)


[Immagine: FreeDB-1.jpg]

[Immagine: FreeDB-2.jpg]

[Immagine: FreeDB-3.jpg]

[Immagine: FreeDB-4.jpg]

Stampa questo articolo

  Come modificare l'ordinamento delle liste?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:19 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Sul telecomando dei CocktailAUDIO occorre premere il tasto SORT.

Ad ogni pressione del tasto SORT, la lista visualizzata sullo schermo verrà mostrata rispettivamente per:

- Ordine di caricamento
- Ordine alfabetico A-Z
- Ordine inverso Z-A

Stampa questo articolo

  Il CocktailAUDIO si è bloccato oppure mostra una schermata bianca: come mai?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:19 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta


Come mai il mio CocktailAUDIO si è bloccato, non mi vede l'hard disk, oppure mostra soltanto una schermata bianca e non posso fare nulla?

Il CocktailAUDIO si può bloccare nel caso in cui tu stia tentando di fargli leggere dei file audio corrotti.

Ti sconsigliamo di utilizzare file musicali "trovati" su Internet, dal momento che, oltre ad essere illegale la pratica di download da siti di condivisione, tutti questi file sono creati senza alcun minimo riguardo alla correttezza formale dei dati, spesso utilizzando codifiche formalmente errate.

I CocktailAUDIO sono macchine estremamente stabili, basate su sistema operativo Linux (NON Windows) e questo consente loro di bloccarsi MOLTO RARAMENTE.

Nel caso in cui tu stia riscontrando anomalie come schermate bianche, riavvii improvvisi, schermate nere, etc al 99.9% stai tentando di leggere file ERRATI!

"Ma sul PC questi file vengono letti correttamente!"

Certo, perché il PC non effettua uno streaming diretto dall'hard disk al convertitore, ma ha una serie di livelli intermedi costituiti dal sistema operativo e dai driver che filtrano e correggono eventuali errori.

Questo, tuttavia, significa che applicando "correzioni" stanno modificando la struttura binaria del file stesso.

Il CocktailAUDIO lavora in maniera diversa, legge il file audio così come è, non applicando alcuna correzione.

Con due conseguenze:

- La prima, è che ovviamente viene mantenuto inalterato il contenuto originale del file, per la massima fedeltà audio possibile;

- La seconda, è che purtroppo se il file è danneggiato (CRC errato, incompleto, con un codec fuori specifica, etc) il CocktailAUDIO può bloccarsi;

"Cosa devo fare?"

1- Utilizza SOLO file musicali acquistati da siti online primari
2- NON utilizzare file scaricati gratuitamente da siti di condivisione: stai violando il copyright (Diritto d'Autore) e stai rischiando di rendere instabile il tuo CocktailAUDIO
3- Controlla i file musicali prima di farli leggere al CocktailAUDIO attraverso appositi software che ne verificano l'integrità formale (es. AUDIOTESTER 1.6)
4- Assicurati che i file che includono al proprio interno i metadati (es. FLAC o MP3) abbiano metadati formalmente corretti (usa il software gratuito MP3TAG per verificare la presenza di anomalie nei metadati e correggile)

In generale, usiamo il buon senso e, soprattutto, verifichiamo SEMPRE la qualità dei file musicali che abbiamo a disposizione.

"Cosa altro può causare un blocco del CocktailAUDIO?"

Hai un errore sull'hard disk interno che impedisce la lettura fisica dei settori del disco rigido, oppure hai un errore logico che ha danneggiato la struttura del database MusicDB.

Il database MusicDB è composto da numerosi livelli, basta che se ne corrompa anche uno soltanto per causare possibili problemi a tutti gli altri.

Questo è il motivo per cui il CocktailAUDIO può crashare accedendo al database MusicDB (la collezione musicale memorizzata).

La soluzione consiste nel verificare la struttura del MusicDB attraverso l'apposita funzione presente in CocktailAUDIO ("Verifica MusicDB").

Ricorda che la presenza di caratteri non convenzionali, nei nomi dei files (songs) ed alle volte nei TAG, possono ugualmente impedire al CocktailAUDIO di accedere al proprio archivio (ad esempio "&*("^*^%£&$*").

Utilizza la formattazione LINUX al posto di quella NTFS: la formattazione LINUX è MOLTO più stabile e veloce e riduce la possibilità di errori nel file system.

Quali altri eventi possono portare il CocktailAUDIO a bloccarsi?

1. Errori logici o fisici (settori danneggiati) sull'HDD

2. Link dinamici mancanti o non funzionanti della Internet Radio

3. File musicali rimossi manualmente dall'hard disk, ma ancora presenti nel MusicDB. Questo accade quando la cartella nascosta .DB creata dal CocktailAUDIO sull'hard disk viene editata manualmente dall'utente (NON farlo MAI!!!)

4. Sono utilizzati caratteri speciali nel file (tipo %&$£~} etc...)

5. Si tenta di rippare un Enhanced CD (CD con file): questi CD speciali vanno rippati da un computer e poi trasferiti su CocktailAUDIO da rete o USB

6. Il connettore SATA che collega l'hard disk non è ben inserito: spegni il CocktailAUDIO, verifica il collegamento e riavvia.

Ulteriori considerazioni:

1) Se utilizzi il CocktailAUDIO collegato ad Internet, è inutile caricare il database FreeDB dal DVD in dotazione: i dati dei TAG vengono scaricati automaticamente dalla rete internet.

2) Metodo di conversione dei file musicali selezionato:

Quando si effettua il ripping di un CD, è possibile specificare il formato audio che si desidera che CocktailAUDIO adotti per la memorizzazione (es. WAV, FLAC, MP3, etc).

Ad eccezione del formato Cd nativo WAV, tutti gli altri formati richiedono che il CocktailAUDIO effettui ulteriori elaborazioni una volta che il CD è stato rippato.

In tutti i casi, comunque, il CocktailAUDIO dovrà inserire i metadati dei CD acquisiti all'interno del proprio database, creando una per una le singole voci che compongono gli album musicali rippati.

Per esempio, scegliendo come formato di codifica il formato lossless FLAC, il CocktailAUDIO effettuerà innanzitutto la copia (ripping) del CD sul suo hdd interno in formato nativo WAV e successivamente, in maniera del tutto automatica e trasparente, procederà in background alla conversione nel formato di destinazione prescelto (appunto il FLAC, in questo caso specifico).

Il fatto che il CocktailAUDIO provveda a memorizzare inizialmente il file in WAV fornisce due vantaggi: il primo è che questo ci consente da subito di ascoltare il CD appena rippato, il secondo è quello che non dovremo attendere il tempo necessario alla conversione in quanto l'acquisizione originale in WAV rimarrà disponibile fino a quando la conversione in FLAC non sarà stata completata dal CocktailAUDIO, e subito dopo verrà automaticamente cancellata.

Ovviamente l'utente non si accorge di nessuna di queste operazioni, che vengono eseguite in maniera del tutto automatica e trasparente da parte del sistema.

Grazie a questa modalità operativa ad alto parallelismo, il CocktailAUDIO ci consente di acquisire in sequenza decine di CD audio, che verranno rippati velocemente ed il cui contenuto verrà posto in una "coda di elaborazione" di conversione che verrà eseguita secondo priorità F.I.F.O. (First In - First Out): in pratica, in ordine di acquisizione.

Il tempo di conversione stimato ha un rapporto di circa 1.5~2.5 volte il tempo totale reale dei CD acquisiti (esempio un CD la cui durata sia di 60 minuti necessiterà di un tempo da 1 ora e mezza fino a 2 ore e mezza di lavoro continuo da parte del CocktailAUDIO per poter essere convertito).

Per poter verificare lo stato di avanzamento della conversione e verificare quali CD sono stati completamente convertiti e quali invece sono ancora in elaborazione, basta portarsi nel menu MusicDB, evidenziare l'album da verificare e premere il tasto "i" di Informazioni.

Avremo immediatamente visualizzate tutte quante le informazioni desiderate.

Fino a quando la procedura di conversione è in esecuzione, saranno possibili rallentamenti o impuntamenti da parte dell'interfaccia del CocktailAUDIO che, una volta completata la coda di elaborazione, tornerà nuovamente velocissima.

In questi frangenti sii paziente ed attendi il completamento delle operazioni in background: NON sovraccaricare il CocktailAUDIO con ulteriori operazioni!

Durante la conversione dei CD la massima priorità del tempo CPU sarà assegnata alla conversione stessa, se il CocktailAUDIO si trova in attesa di comandi, oppure alla riproduzione musicale nel caso in cui facessimo suonare un brano.

3) Verificare che non ci siano album che, da tempo, non siano stati ancora convertiti: in questo caso cancellali ed esegui nuovamente il ripping, verificando i TAG proposti a video prima dell'inizio della acquisizione. Se sono presenti caratteri non convenzionali "&*("^*^%£&$*", sostituiscili con altri caratteri standard. Questi problemi sono imputabili unicamente al FileSystem e non al CocktailAUDIO.

4) Se utilizzi il WiFi, verifica di avere un segnale di buona qualità nel punto in cui utilizzi il CocktailAUDIO: se ascolti una radio internet e perdi il segnale WiFi, il CocktailAUDIO tenta subito di interrompere il flusso dati.

5) I CocktailAUDIO sono pensati per lavorare con una memoria di massa collegata: usare il CocktailAUDIO senza hard disk, oltre a limitarne pesantemente le prestazioni e le funzionalità, può causare blocchi in quanto non è disponibile la memoria di massa su cui effettuare lo swapping o pre-buffering dei dati (esempio per la funzione Internet Radio).

6) Verifica sempre di avere installata l'ultime revisione del Firmware rilasciato da Novatron.

"INTERFACCIA WEB: PERCHE MI SI BLOCCA ?"

Premesso che l'interfaccia web è ancora in stato di Beta, ovvero NON è ancora definitiva, il funzionamento è già molto soddisfacente e stabile.

Tuttavia, devi sempre consentire al CocktailAUDIO di terminare la precedente operazione e poi iniziare un nuovo inserimento.

Verifica in alto a destra nel browser che non ci sia l'icona di caricamento in corso. Soltanto quando quest'ultima sparisce, puoi procedere ad inserire un nuovo brano.

Tieni presente che ogni volta che si aggiunge una copertina, avviene questo:

L'interfaccia web crea un file chiamato net nella cartella dell'album. Si tratta dell'immagine temporanea in jpeg della copertina selezionata tramite interfaccia web (es. da 7Digital).

In contemporanea, il CocktailAUDIO provvede a ridimensionare questa immagine ed a creare un file di immagine per l'album (chiamato folder.jpg), più tanti file di immagine quante sono le tracce dell'album stesso, ed anche una ulteriore miniatura usata in album view; infine aggiorna in sequenza i tag di tutte le tracce dell'album, aggiungendo i riferimenti alle copertine del disco appena create.

Quindi è normale dover attendere un momento affinché tutte queste operazioni vengano eseguite e completate correttamente.

Mentre queste operazioni sono in corso, le funzioni da telecomando del CocktailAUDIO appariranno rallentate, in quanto la CPU è impiegata intensamente per il ridimensionamento delle immagini e per l'aggiornamento dei tag.

Questo è assolutamente NORMALE.

Per questo potrebbe sembrare che il CocktailAUDIO si sia bloccato, MA in realtà devi soltanto attendere il completamento della procedura e, una volta terminata, il CocktailAUDIO riavrà il suo normale tempo di risposta.

Ti sconsigliamo di assegnare copertine che superino i 500 pixel.

"QUANDO SPENGO L'X10 LA VENTOLA RIMANE IN FUNZIONE E LO SCHERMO NERO"

Il Firmware non è stato installato correttamente: esegui una nuova installazione manuale del Firmware.

Stampa questo articolo

  E' obbligatoria una connessione permanente ad Internet?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:18 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Non è obbligatorio che il Cocktail Audio X10 sia connesso permanentemente ad Internet.

Tuttavia, qualora sia presente una connessione (Ethernet LAN o Wi-Fi opzionale), l' X10 sarà in grado di collegarsi al database FreeDB e aggiornare i TAG con i Titoli e gli Autori dei brani, in maniera del tutto automatica.

Se non disponi di un collegamento ad Internet, puoi comunque installare una copia del database FreeDB all'interno dell'Hard Disk di X10.

Nella confezione di X10 è presente un CD-Rom su cui è memorizzata una copia dell'archivio FreeDB (aggiornata a Marzo 2011).

Stampa questo articolo

  E' necessario un convertitore DAC esterno?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:18 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

No, non è necessario utilizzare un convertitore DAC esterno per ascoltare musica tramite X10.

Il Cocktail Audio X10 integra già un convertitore DAC Cirrus Logic di alta qualità (capace, dall'aggiornamento R1656, di riprodurre musica liquida in alta risoluzione fino a 24bit192Khz).

Se però disponessi di un convertitore esterno dotato di ingresso ottico SPDIF, potrai collegarlo a X10 e utilizzare il tuo DAC esterno per la conversione del suono.

A partire dal Firmware R1656, il Cocktail Audio X10 supporta l'invio di musica liquida in alta risoluzione anche ad un DAC esterno, e non più soltanto la riproduzione dei file musicali in HD attraverso il convertitore interno.

Nel caso di collegamento tramite Spdif ottica, il Cocktail Audio X10 potrà veicolare segnali digitali in bit-perfect fino a 24bit/96Khz (la massima risoluzione e frequenza consentite dall'interfaccia ottica).

Stampa questo articolo

  Quali Codec Audio posso utilizare per il ripping dei CD ?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:18 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Sono disponibili quattro differenti Codec Audio:

  • WAV
  • FLAC
  • MP3
  • OGG

La massima qualità è ottenibile con il formato WAV, che mantiene inalterata la qualità del CD Audio.

Stessa cosa, anche se il file risultante verrà compresso sensibilmente, si ottiene utilizzando il Codec Audio "FLAC": si tratta di un formato di tipo Lossless (ovvero "senza perdita" di informazione).

Anche in questo caso verrà mantenuta la massima qualità audio (maggiori informazioni qui: http://it.wikipedia.org/wiki/FLAC).

Sono inoltre disponibili altri due formati audio importanti: l'OGG ed il classico MP3 (per quest'ultimo si può impostare il bit-rate per avere il giusto compromesso tra compressione e qualità audio).

Stampa questo articolo

  Posso modificare le informazioni dei TAG ?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:17 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Si.

Posiziona il cursore sul brano musicale per il quale desideri modificare le informazioni, premi il tasto MENU sul telecomando e seleziona ‘TAG Edit’.

In alternativa, a partire dal Firmware R1644, è possibile utilizzare l'Interfaccia WEB di X10 tramite un comune Browser Internet (Internet Explorer, Opera, Chrome, Firefox) e dalla versione Firmware R1655 è possibile utilizzare anche un Tablet come iPad o altri basati su OS Android oltre ad essere stata aggiunta la compatibilità della interfaccia web con il browser Safari (MacOS).

Sono adatti a modificare i TAG anche tutti i software su PC o MacOS dotati di questa funzione.

Stampa questo articolo

  Posso Importare / Esportare musica verso dispositivi USB esterni, Lettori MP3, etc ?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:17 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Certamente.

E' possibile sia copiare brani da un dispositivo esterno (pennetta USB, Lettore MP3, Computer) al Cocktail Audio X10, sia eseguire l'operazione inversa: cioè copiare musica da X10 ad un dispositivo esterno.

Stampa questo articolo

  Devo necessariamente rippare l'intero CD ?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:16 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

No.

X10 ha due differenti opzioni. Puoi scegliere ‘Ripping Tracks’ e scegliere quali tracce desideri caricare (rippare) all'interno del database.

Stampa questo articolo

  X10 dispone di una porta Ethernet LAN. Posso usare anche il Wi-Fi ?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:16 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Si.

Se desideri utilizzare una connessione wireless LAN, devi acquistare lo speciale dongle wireless USB fornito dai Rivenditori Autorizzati Cocktail Audio.

Inserisci il dongle wireless nella porta USB host di X10 ed impostalo dal menu SETUP.

Stampa questo articolo

  Come posso ottenere le informazioni sui CD da FreeDB senza una connessione internet?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:15 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Semplice:

basta installare i dati FreeDB che sono forniti a corredo sul CD-Rom in dotazione al Cocktail Audio X10.

Ulteriori aggiornamenti del database verranno rilasciati periodicamente sul nostro sito www.cocktailaudio.it.

Stampa questo articolo

  Posso cercare i brani musicali per Artista ?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:15 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Si, puoi ordinare e ricercare brani musicali per Artista, per Album o per Genere Musicale.

Dall'aggiornamento del Firmware R1604 è disponibile inoltre la funzione di ricerca per "Discografia" ovvero per discografia di un Artista.

Dal Firmware R1644 si possono elencare gli Album anche per copertina grafica.

Stampa questo articolo

  Posso collegare il Cocktail Audio X10 al mio convertitore DAC?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:14 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Certamente che è possibile!

Puoi collegare il Cocktail Audio X10 al tuo convertitore DAC ed utilizzarlo come trasporto digitale.

In questo caso devi utilizzare l'uscita digitale ottica SPDIF, utilizzando un apposito cavo in fibra ottica.

In questa configurazione l'X10 fungerà da meccanica di lettura in bit-perfect ed invierà in formato digitale al convertitore DAC esterno i file musicali, che saranno riprodotti da quest'ultimo.

A partire dal Firmware R1655, è stato abilitato il supporto a 24bit/96Khz attraverso l'uscita ottica digitale (la massima risoluzione consentita da questa tipologia di interfaccia).

Stampa questo articolo

  Posso collegare il Cocktail Audio X10 al mio amplificatore?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:14 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Certamente che è possibile!

Puoi utilizzare l'uscita di collegamento LINE OUT di X10 e collegarlo al tuo amplificatore utilizzando un cavo ad Y, composto da un connettore jack 3.5mm (da collegare all'X10) e due RCA stereo (da collegare all'amplificatore).

Se il tuo amplificatore dispone di un ingresso digitale ottico di tipo SPDIF, puoi utilizzare un apposito cavo in fibra ottica.

Il cavo analogico minijack-2 RCA può essere ordinato anche dal nostro sito:

https://www.cocktailaudio.it/cocktail-au...rezzo.html

Stampa questo articolo

  X10 supporta i file musicali memorizzati sui CD Dati?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:13 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Si, li supporta regolarmente.

Il Cocktail Audio X10 supporta i file audio incisi su CD dati.

Precisamente vengono letti sia i supporti CD-R/CD-RW che i DVD R/RW.

Per riprodurre i file audio presenti su un CD dati è sufficiente inserire il disco e aprire la schermata "Browser".

Stampa questo articolo

  Esistono aggiornamenti del Firmware?
Inviato da: Admin - 03-17-2012, 02:13 PM - Forum: FAQ - Domande & Risposte Frequenti - Nessuna risposta

Si, vengono rilasciati regolarmente nuovi aggiornamenti del Firmware per i prodotti Cocktail Audio.

In questo modo possiamo correggere eventuali bug segnalati dagli utenti ed aggiungere nuove ed interessanti funzioni.

Ti invitiamo a aggiungere i tuoi suggerimenti nella apposita sezione di questo Forum: segnalaci se desideri l'aggiunta o la modifica di una funzione del Cocktail Audio e invieremo la tua richiesta direttamente al produttore affinchè possa essere valutata e, se ritenuta interessante, implementata in un prossimo aggiornamento del Firmware.

Stampa questo articolo