Cocktail Audio Forum Italia

Versione completa: CD da master analogico
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Salve a tutti,
avrei 2 domande di cui non trovo risposta nel forum...
1) Sto pensando di acquistare musica di alta qualità su un sito online perché ho una serie di CD, in particolare di De Andrè e di Battisti, che non sono di grande qualità audio né per dinamica né per rumore di fondo (si tratta delle vecchie canzoni di questi 2 cantautori che mi risulta siano state masterizzate dal master analogico):
Io ancora non ho verificato ma, comunque, qualcuno che è già pratico di tali siti mi sa dire se si trovano anche pezzi così vecchi e, soprattutto, se la qualità è davvero migliore, ripeto, anche se il master originale era analogico (perché in quel caso non so se mi convenga rippare i miei CD...) ?
2) In ogni caso, per sapere quali sono i formati migliori in che modo mi debbo regolare? cosa debbo considerare per capire se per esempio è meglio HD WAV o DSD... debbo cercare i formati con il più alto valore di Bit e di kHz ?
Non esistono versioni in alta risoluzione per i nostri cantautori italiani; purtroppo, quindi, occorre cercare eventuali versioni rimasterizzate di CD.

Ad esempio, per De André, recentemente è uscita una nuova versione di Anime Salve chiamata Legacy, che è migliore della prima edizione, ma si tratta sempre di un Compact Disc (quindi 16bit/44.1Khz).

Anche per Battisti, sono di recente uscite nuove incisioni su CD, anch'esse prese da Master (ma anch'esse sempre a 16bit/44.1Khz), comunque ottime.

Ti indico qui sotto un interessantissimo articolo di AudioReview in cui vengono approfonditi i principali concetti della musica liquida in alta risoluzione. Spero ti possa essere utile per trovare spunti:

https://www.audioreview.it/tecnica/artic...l-pcm.html
(10-28-2019, 02:40 PM)Admin Ha scritto: [ -> ]Non esistono versioni in alta risoluzione per i nostri cantautori italiani; purtroppo, quindi, occorre cercare eventuali versioni rimasterizzate di CD.

Ad esempio, per De André, recentemente è uscita una nuova versione di Anime Salve chiamata Legacy, che è migliore della prima edizione, ma si tratta sempre di un Compact Disc (quindi 16bit/44.1Khz).

Anche per Battisti, sono di recente uscite nuove incisioni su CD, anch'esse prese da Master (ma anch'esse sempre a 16bit/44.1Khz), comunque ottime.

Ti indico qui sotto un interessantissimo articolo di AudioReview in cui vengono approfonditi i principali concetti della musica liquida in alta risoluzione. Spero ti possa essere utile per trovare spunti:

https://www.audioreview.it/tecnica/artic...l-pcm.html

Si, articolo molto interessante, grazie.
Lo ho letto, ma lo rileggerò con più calma...
Dopo tanti anni di ascolto di musica liquida posso affermare che il numero di bit e la frequenza di campionamento sono “quasi” ininfluenti sulla qualità dell’ascolto ..... purtroppo. Questo vale specialmente per la musica leggera, mentre jazz e classica da questo punto di vista sono un po’ meglio.
Nella libreria ho parecchi CD che hanno una qualità buona / molto buona, e sono quasi tutti CD vecchi ..... quelli prodotti ad inizio secolo sono di una qualità spesso “vergognosa” (mai sentito parlare della loudness war ??? Cerca in internet) e molto spesso i “remastering” hanno peggiorato la situazione !!!
Invece i files in alta risoluzione (esempio 24/192) sono spesso ricampionamenti di cd ..... io ho acquistato su un sito esterno alcuni album dei Pink Floyd in 24/192, scoprendo in seguito che i PF non hanno i MAI autorizzato produzioni oltre il 24/96 ..... per cui io che ho acquistato ???
L’unico metro che rimane sono le nostre orecchie .... i numeri della risoluzione non dicono proprio niente della qualità tecnica di una registrazione, e credimi un CD ben registrato è assolutamente emozionante (non entrò nella valutazione artistica ovviamente)
La rivisitazione della raccolta Master di Battisti è un lavoro molto ben fatto !!
Magari , se la sezione presente nel forum "MUSIC ON" fosse più frequentata, potrebbe essere di grande aiuto a tutti per valutare e conoscere musica nuova e ben registrata.