Questo Forum utilizza Cookies tecnici per poter funzionare
Questo forum fa uso di cookies tecnici per poter memorizzare le tue informazioni di login se sei un utente registrato, e la tua ultima visita se non sei registrato. I Cookies sono piccoli testi memorizzati sul tuo computer; i cookies inviati da questo forum sono utilizzati soltanto su questo sito, per il suo normale funzionamento e per consentirti la partecipazione al forum stesso e non sono in alcun modo pericolosi per la tua privacy. I Cookies di questo forum tengono traccia anche delle discussioni che hai già letto, per permetterti di individuare visivamente se ci sono nuovi messaggi. Per favore, conferma se accetti o rifiuti questi cookies.

Un cookie sarà memorizzato nel tuo browser, indipendentemente dalla tua scelta, al fine di impedire che questo messaggio ti venga mostrato nuovamente. Potrai cambiare in ogni momento le tue scelte in merito alle impostazioni dei cookies utilizzando il link in fondo alla pagina.


LISTA AGGIORNATA DEI RIVENDITORI AUTORIZZATI COCKTAIL AUDIO
Attenzione: I prodotti acquistati al di fuori del canale ufficiale NON potranno accedere all'Area Riservata del Club CocktailAudio Italia né ai servizi Forum/Chat/Ticket.
REGISTRA IL TUO COCKTAIL AUDIO per poter accedere all'AREA RISERVATA DEL CLUB COCKTAILAUDIO ITALIA.

Polaris Audio


Puoi seguire le nostre dirette Live anche su YouTube e su Facebook

Valutazione discussione:
  • 1 voto(i) - 5 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prime impressioni e breve recensione X40
#1
Buongiorno a tutti,
volevo scrivere qualche riga sulle prime sensazioni della macchina in questione, arrivatami settimana scorsa.
La prima impressione va necessariamente sulla qualità costruttiva: una sola parola, robusta !!
Tutto in metallo, bella esteticamente e con sistema CD slot-in (il mio preferito) e non a cassetto plasticoso da spingere….
Il peso dell’unità è davvero impressionante, si fa una certa fatica a reggerlo per più di una manciata di secondi. Mi ha altresì favorevolmente impressionato la chiusura di sicurezza del HDD interno che oltre che prevedere le classiche 4 vitine di fissaggio, è dotato di un coperchio che lo blocca con viti grosse di sicurezza in modo da ridurre al minimo gli spostamenti o le vibrazioni (neanche il mio NAS da 4 baie arriva a tanto !).
C’è anche un comodo interruttore posteriore che elimina – volendo – lo standby.
Il telecomando è completissimo e abbastanza semplice da usare, unica pecca francamente il fatto che non sia retroilluminato, davvero un peccato per una macchina di questo livello (2 euro scarsi di led retroilluminante)
La miriade di ingressi/uscite posteriori offre l’imbarazzo della scelta di connessioni con svariati sorgenti/dispositivi esterni.
Le USB – che personalmente uso poco avendo sia disco interno che NAS esterno – riconoscono in pochi secondi le unità di massa collegate.
Il protocollo di rete SMB (samba) è di una velocità imbarazzante: la riproduzione di qualsiasi file audio da NAS – una volta collegata la macchina in rete Gigabit cablata – è fluida ed immediata, quasi come fosse in locale.
Anche la sezione radio è molto intuitiva e di buona qualità – compresa la possibilità di registrare qualsiasi stazione – pur utilizzandola personalmente molto poco.

Riproduzione audio: tenendo conto che è ancora in rodaggio, è notevole: i suoni sono puliti, nitidi, ben dettagliati, con tutti gli strumenti ben riconoscibili e con un buonissimo livello di “headstage” ed una piacevole dinamica complessiva.
Il suono è estremamente limpido e la timbrica perfetta, realistica e riproducente in modo a mio avviso veritiero tutti gli strumenti e le frequenze, senza che prevalgano alcune in particolare.
Forse i medi e le voci sono quelli che colpiscono di più.
All’inizio complessivamente il suono appare leggermente “granitico”, poi con il passare delle ore e dei giorni, con il riscaldarsi del toroidale e con un po’ di rodaggio dei vari componenti il tutto si presenta più armonioso e realistico.
Una chicca: per chi come me ha a disposizione un certo numero di SACD – essendo particolarmente complesso il rip (per copia personale intendiamoci) con la nota procedura della PS3 – ho collegato le uscite RCA analogiche di un lettore SACD agli ingressi AUX dell’X40 riuscendo così a registrare e rendere finalmente “liquide” – peraltro alla frequenza di campionamento preferita (48, 96 o 192 KHz) – anche tali tracce (formato WAV).
Ascolto in cuffia: devo ammettere che l’uscita cuffie dell’X40 – diversamente da quelle di molti altri apparecchi “all in one” o amplificatori integrati – è davvero notevole sia come potenza erogata (500 mW x 2) sia come qualità di amplificazione. Pilota senza problemi un buon range di cuffie di fascia media con impedenza medio/bassa (personalmente ho provato Philips Fidelio X2, Denon AH-D600 e Shure SRH940) e la qualità è quasi sorprendente. Fa un po’ più di fatica con delle Sennheiser HD 650 da 300 Ohm invece. Chiaramente con un ampli dedicato il livello lievita ulteriormente (personalmente sto provando un TEAC AH-501 collegato alle uscite bilanciate XLR dell’X40 e qui si sfiora l'imbarazzo….).

Complessivamente dunque sono molto soddisfatto !
Buoni ascolti Smile
Valerio
Staff
#2
Grazie per la tua testimonianza Valerio! Una recensione molto bella e completa, complimenti! Smile
Francesco

Cocktail Audio è anche su Facebook: Seguici e clicca su "MI PIACE"!!! - https://www.facebook.com/cocktailaudio - Distribuito in esclusiva in Italia da POLARIS AUDIO SRL: https://www.polarisaudio.it Sei Cliente CocktailAUDIO? Inviaci una Tua Recensione! Leggi le recensioni sul CocktailAUDIO: i Feedback su CocktailAUDIO. Per aggiungermi su Facebook Clicca qui.
#3
Ringrazio per la tua recensione.
Adesso ho ancora di più le idee chiare in merito all'X40.

Sayon
#4
(01-22-2015, 10:59 PM)vale69 Ha scritto: Una chicca: per chi come me ha a disposizione un certo numero di SACD – essendo particolarmente complesso il rip (per copia personale intendiamoci) con la nota procedura della PS3 – ho collegato le uscite RCA analogiche di un lettore SACD agli ingressi AUX dell’X40 riuscendo così a registrare e rendere finalmente “liquide” – peraltro alla frequenza di campionamento preferita (48, 96 o 192 KHz) – anche tali tracce (formato WAV).

Quindi hai fatto fare la conversione DSD-PCM al tuo player SACD, e poi hai importato in PCM (esempio) a 96/24 tali tracce in formato WAV.

Hai riscontrato differenze avvertibili poi fra le due registrazioni (DSD originale e PCM magari sovracampionata) ? Giusto per sapere.

Questa era una feature alla quale NON avevo pensato (da "purista" appunto c'era solo lo sbattimento della PS3 Fat con annessi e connessi), che unita a quella del BD leggibile (finalmente) anche da remoto, farebbe propendere decisamente l'ago della bilancia a favore di questo X40.

Grazie della recensione, molto molto utile davvero.
#5
(01-23-2015, 11:12 AM)Alberto Pilot Ha scritto:
(01-22-2015, 10:59 PM)vale69 Ha scritto: Una chicca: per chi come me ha a disposizione un certo numero di SACD – essendo particolarmente complesso il rip (per copia personale intendiamoci) con la nota procedura della PS3 – ho collegato le uscite RCA analogiche di un lettore SACD agli ingressi AUX dell’X40 riuscendo così a registrare e rendere finalmente “liquide” – peraltro alla frequenza di campionamento preferita (48, 96 o 192 KHz) – anche tali tracce (formato WAV).

Quindi hai fatto fare la conversione DSD-PCM al tuo player SACD, e poi hai importato in PCM (esempio) a 96/24 tali tracce in formato WAV.

Hai riscontrato differenze avvertibili poi fra le due registrazioni (DSD originale e PCM magari sovracampionata) ? Giusto per sapere.

Questa era una feature alla quale NON avevo pensato (da "purista" appunto c'era solo lo sbattimento della PS3 Fat con annessi e connessi), che unita a quella del BD leggibile (finalmente) anche da remoto, farebbe propendere decisamente l'ago della bilancia a favore di questo X40.

Grazie della recensione, molto molto utile davvero.

Intressa anche a me approfondire questo discorso...
Il lettore dell'X40 non legge i BD, quindi se ci collego un lettore esterno BD/SACD i file DSD vengono riprodotti con la conversione DSD-PCM oppure senza conversione come mi sembra di aver letto nelle caratteristiche tecniche ?
Sicuramente forse in fase di rip si potrà solo salvarli in Flac/Wav o mi sbaglio ?
Sayon
#6
Siamo OT, ma il tuo lettore potrebbe uscire (forse) con il DSD solo via HDMI, perché così con la HDCP è comunque criptato e protetto (sostanzialmente, incopiabile in modo nativo).

X40 non avendo un ingresso HDMI è escluso da questo tipo di operazione.

Anche nel tuo caso dovrai uscire con le uscite analogiche stereo sbilanciate (RCA) e dover far affrontare al "sitema" una doppia conversione D/A ed A/D ..... Per quello chiedevo se all'atto pratico erano distinguibili le differenze con l'originale o meno.

Una cosa che si perde di "sicuro" è il multi canale dato che si registra solo in stereo (L+R), ma li la vedo meno "drammatica" Smile
#7
cercherò di fare nel weekend - con un po' più di tempo a disposizione - qualche prova e qualche verifica per rispondere alle vs. domande che poi sono le stesse che mi stavo facendo anche io mentre provavo la pura registrazione per verificare che perlomeno non ci fosse qualche blocco dovuto a copyright o simile.
Dal momento che si può va verificata l'effettiva qualità rispetto all'originale come mi chiedeva Alberto: l'unica cosa che ho potuto verificare nell'unico test fatto l'altra sera è che poi effettivamente Foobar me lo vede come 24 bit e 192 (o 96 a seconda dell'impostazione) KHz....

A presto,
Valerio

P.S. non ho capito il riferimento al BD...sul BD audio la possibilità di conversione FLAC lossless c'è già senza troppi sbattimenti se ti riferivi a quello, che invece non c'è per il SACD (salvo appunto delirio PS3 FAT)
#8
(01-23-2015, 10:05 PM)Alberto Pilot Ha scritto: Siamo OT, ma il tuo lettore potrebbe uscire (forse) con il DSD solo via HDMI, perché così con la HDCP è comunque criptato e protetto (sostanzialmente, incopiabile in modo nativo).

X40 non avendo un ingresso HDMI è escluso da questo tipo di operazione.

Anche nel tuo caso dovrai uscire con le uscite analogiche stereo sbilanciate (RCA) e dover far affrontare al "sitema" una doppia conversione D/A ed A/D ..... Per quello chiedevo se all'atto pratico erano distinguibili le differenze con l'originale o meno.

Una cosa che si perde di "sicuro" è il multi canale dato che si registra solo in stereo (L+R), ma li la vedo meno "drammatica" Smile

Perfetto capito.
Sayon

P.S. non ho capito il riferimento al BD...sul BD audio la possibilità di conversione FLAC lossless c'è già senza troppi sbattimenti se ti riferivi a quello, che invece non c'è per il SACD (salvo appunto delirio PS3 FAT)
[/quote]

Ok recepito.
In attesa delle tue prove... FINE OT
Sayon
#9
Allora ho fatto un paio di prove ma - premetto - utilizzando sempre le uscite sbilanciate RCA del lettore SACD (Oppo BDP-103D) veicolato tramite il C.A. X40.
Per ascoltare al meglio eventuali differenze ho usato le stesse cuffie (Shure SRH940) e lo stesso ampli cuffie (Teac HA-501).
Francamente ho fatto davvero fatica a percepire differenze significative tra DSD-PCM e PCM sovracampionata, sia che fosse WAV a 96/24 sia che fosse WAV a 192/24, a tal punto che mi sembra non ce ne siano.
L'altra prova che si potrebbe fare è uscire in DSD da HDMI ma a livello di diffusori (i miei sono piuttosto scarsucci) non so se sarei in grado di percepire grandi differenze francamente.
#10
Molto interessante, grazie Valerio.

Il "problema" semmai è dove fai "entrare" il DSD via HDMI dato che X40 non ha questo ingresso. Altrimenti sarebbe stupendo e ti faresti le copie bit per bit del DSD dei SACD (strato stereo). Cosa "fuorilegge" purtroppo.


Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  Prime impressioni sull'X40 piero55 2 3,079 05-04-2015, 01:30 PM
Ultimo messaggio: piero55
  IMPORTANTE Recensione CocktailAUDIO X40 su AudioReview! Admin 0 3,918 03-25-2015, 01:29 AM
Ultimo messaggio: Admin



Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)